Confessione reporter. Quello che non ho mai scritto.pdf

Confessione reporter. Quello che non ho mai scritto PDF

Stella Pende

Tv, network e giornali divorano notizie, fatti e uomini. Li spolpano finché sono freschi e poi li abbandonano per rituffarsi nella caccia del nuovo scoop. In questo tempo dove il new journalism ossequia soltanto il culto della velocità e quello della voracità, Stella Pende prova a recuperare i ricordi perduti restituendo un prima e un dopo agli articoli che di più hanno tatuato la sua memoria. Venti reportage (guerre, carceri e terremoti, Balcani e Medioriente), ma anche incontri fatali. Da Gheddafi a Garcia Màrquez, splendente e indimenticabile premio Nobel della letteratura, fino alleroica maestra dei bambini intrappolati nel fuoco della scuola di Beslan. Ma attenzione: in Confessione reporter si legge soprattutto quello che un inviato non ha mai potuto scrivere. Cioè il dietro le quinte di ogni avventura giornalistica: gli appuntamenti e le miserie per portare a casa losso, le attese e le buche, i direttori, i colleghi amici e le carogne, ma anche la commozione, gli incontri e i riti della redazione. Tutto ciò che rappresenta il succo e la carne del giornalismo. Questo mestiere così chiacchierato, spesso mitizzato, ma troppo poco capito nelle emozioni che accende. E poi la terra così spettacolare, ma ancora inesplorata, del giornalismo al femminile. Dove una coraggiosa confessione dellautrice racconta quanto una giornalista non può mai dimenticare di essere donna, ma soprattutto madre. Con la pena e il rimorso che troppe volte il mestiere le regala.

13/06/2019 · Confessione reporter, (Confessione reporter: quello che non ho mai scritto), In Brasile c'è invece il pittore che dipinge guidato da spiriti noti come quello di Van Gogh.

2.18 MB Dimensione del file
886220082X ISBN
Confessione reporter. Quello che non ho mai scritto.pdf

Tecnologia

PC e Mac

Leggi l'eBook subito dopo averlo scaricato tramite "Leggi ora" nel tuo browser o con il software di lettura gratuito Adobe Digital Editions.

iOS & Android

Per tablet e smartphone: la nostra app gratuita tolino reader

eBook Reader

Scarica l'eBook direttamente sul lettore nello store www.advices4lady.org o trasferiscilo con il software gratuito Sony READER PER PC / Mac o Adobe Digital Editions.

Reader

Dopo la sincronizzazione automatica, apri l'eBook sul lettore o trasferiscilo manualmente sul tuo dispositivo tolino utilizzando il software gratuito Adobe Digital Editions.

Note correnti

avatar
Sofi Voighua

Ma attenzione: in "Confessione reporter" si legge soprattutto quello che un inviato non ha mai potuto scrivere. Cioè il dietro le quinte di ogni avventura ...

avatar
Mattio Mazio

Stella Pende Confessione Reporter. Quello che non ho mai scritto Firenze, Ponte alle grazie, 2011, 304 p. Descrizione Venti repor

avatar
Noels Schulzzi

Cassano a Confessione Reporter: “Il calcio è malato” scritto da Angelo Damiano 16 Maggio 2013, 14:29 Antonio Cassano , si sa, è uno che non le manda certo a dire.

avatar
Jason Statham

1 dic 2019 ... Torna "Confessione Reporter", i reportage di Stella Pende - La ... La giornalista apre la puntata leggendo "l'ultima lettera che Fausto ha scritto ai suoi genitori, prima di suicidarsi. ... La nuova edizione del programma si occuperà non solo di ... Tra le storie di “singolare femminile” anche quella di Cristiana ... 20 mag 2020 ... Confessione Reporter, Stella Pende a DM: «Siamo tutte Silvia Romano. ... Nessuno potrà mai sapere quello che ha visto e sopportato questa ragazza“: ... Giornalisticamente ci ho riflettuto e credo che questo non dimostri che i ...

avatar
Jessica Kolhmann

24/10/2011 · E non mi è mai stato chiesto quante volte ho fatto un peccato in particolare. Credo che il sacerdote o religioso che sia abbia tutto l'interesse a fare una confessione valida. 22-10-2011, 17:55 #3 Ma attenzione: in Confessione Reporter si legge soprattutto quello che un inviato non ha mai potuto scrivere. Cioè il dietro le quinte di ogni acrobatica avventura giornalistica: gli appuntamenti e le miserie per portare a casa l’osso, le attese e le buche, i direttori, i colleghi amici e le carogne, ma anche la commozione, gli incontri e i riti della redazione.