L azione di simulazione proposta dal terzo. Presupposti, funzione e oggetto.pdf

L azione di simulazione proposta dal terzo. Presupposti, funzione e oggetto PDF

Michele A. Comastri

La simulazione del negozio giuridico è un fenomeno che, per sua natura, coinvolge la posizione dei terzi, ai quali lordinamento, a certe condizioni, concede il potere di agire in giudizio per disvelare linganno ordito dalle parti contraenti, che ne pregiudica i diritti. Il lavoro muove dallanalisi dei presupposti, della funzione e delloggetto dellazione di simulazione, alla ricerca di una configurazione unitaria dellistituto e allo scopo di offrire una ricostruzione coerente delle regole del processo e degli effetti della sentenza, quando liniziativa processuale per laccertamento della simulazione è assunta dal terzo.

15/05/2013 · Da ultimo, poi, anche Cass., 18 dicembre 2012, n.23318 ha ribadito che “quando il curatore fallimentare agisca per fare valere la simulazione della quietanza rilasciata dal fallito in bonis, per recuperare alla massa fallimentare la somma che ne è oggetto, ovvero eccepisca la simulazione della quietanza, opposta dal debitore per resistere alla pretesa di pagamento del credito vantato dal

5.21 MB Dimensione del file
886995370X ISBN
Gratis PREZZO
L azione di simulazione proposta dal terzo. Presupposti, funzione e oggetto.pdf

Tecnologia

PC e Mac

Leggi l'eBook subito dopo averlo scaricato tramite "Leggi ora" nel tuo browser o con il software di lettura gratuito Adobe Digital Editions.

iOS & Android

Per tablet e smartphone: la nostra app gratuita tolino reader

eBook Reader

Scarica l'eBook direttamente sul lettore nello store www.advices4lady.org o trasferiscilo con il software gratuito Sony READER PER PC / Mac o Adobe Digital Editions.

Reader

Dopo la sincronizzazione automatica, apri l'eBook sul lettore o trasferiscilo manualmente sul tuo dispositivo tolino utilizzando il software gratuito Adobe Digital Editions.

Note correnti

avatar
Sofi Voighua

Luigi La Battaglia, Azione di riduzione e collazione: aspetti processuali.Rimini, 11 maggio 2012. beneficiario, del bene oggetto della disposizione; la preventiva escussione del soggetto contro cui è stata esercitata l'azione di riduzione. Revocatoria e Simulazione. REVOCATORIA E SIMULAZIONE PRECOSTITUZIONE PREGIUDIZIEVOLE DI INCAPIENZA Il debitore che artatamente disegni, precostituisca ed attui la propria incapienza patrimoniale, alienando o donando beni di cui sia ancora titolare, per poi contrarre debiti ulteriori, fidando nell’oggettiva impossibilità di ripianarli, non può di certo sfuggire alle proprie responsabilità.

avatar
Mattio Mazio

La prova della simulazione si atteggia, quindi, in modo diverso a seconda che si tratti di rapporti verso terzi o dei rapporti interni tra le parti; invero se la domanda di simulazione è proposta da creditori o da terzi che, estranei al contratto, non sono in grado di procurarsi la prova scritta, la prova per testimoni e per presunzioni della simulazione non subisce alcun limite; per contro

avatar
Noels Schulzzi

del contratto; alla costituzione, a favore del terzo, di un diritto minore rispetto a quello oggetto del contratto. Occorre poi distinguere fra la successione dal lato dell’attore (rectius, di colui che ha proposto la domanda) e la successione dal lato del convenuto (rectius, di colui nei cui confronti la domanda è stata proposta… A fronte della vendita da parte del debitore di un immobile di sua proprietà, il creditore può avviare, con successo, un’azione legale finalizzata ad ottenere la declaratoria di nullità per simulazione del contratto, qualora ne ricorrano i presupposti.

avatar
Jason Statham

L azione revocatoria ordinaria, disciplinata dagli artt. 2901 e ss. C.C., è ad oggi uno dei mezzi principali, messi a disposizione del creditore dall ordinamento giuridico, per la conservazione

avatar
Jessica Kolhmann

beni che formano oggetto dell’atto impugnato. Il terzo contraente, che abbia verso il debitore ragioni di credito dipendenti dall’esercizio dell’azione revocatoria, non può concorrere sul ricavato dei beni che sono stati oggetto dell’atto dichiarato inefficace, se non dopo che il creditore è stato soddisfatto”.