Nel cantiere della grande piramide. Gli architetti egizi svelati.pdf

Nel cantiere della grande piramide. Gli architetti egizi svelati PDF

Marco Virginio Fiorini

Sfortunatamente, oggi, domenica, 26 agosto 2020, la descrizione del libro Nel cantiere della grande piramide. Gli architetti egizi svelati non è disponibile su sito web. Ci scusiamo.

Nel corso della serata, la casa Editrice Liberfaber, presenterà altri due libri alla presenza degli autori: “Nel cantiere della Grande Piramide. Gli Architetti Egizi svelati” di Marco Virginio Fiorini, Architetto Torinese, il quale, per la prima volta presenta una metodologia pratica per la costruzione della Grande Piramide e non un’ennesima “teoria”. Perchè la Grande Piramide fu costruita in quel luogo? Forse per la semplice ragione che gli antichi Egizi vivevano, in maggioranza, proprio là. Ma, in seguito a varie supposizioni, si giunse anche ad altre ipotesi, illustrate dal professor Livio Catullo Stecchini nel libro di Peter Tompkin "Secrets of the Great Pyramids".

1.71 MB Dimensione del file
8873254608 ISBN
Gratis PREZZO
Nel cantiere della grande piramide. Gli architetti egizi svelati.pdf

Tecnologia

PC e Mac

Leggi l'eBook subito dopo averlo scaricato tramite "Leggi ora" nel tuo browser o con il software di lettura gratuito Adobe Digital Editions.

iOS & Android

Per tablet e smartphone: la nostra app gratuita tolino reader

eBook Reader

Scarica l'eBook direttamente sul lettore nello store www.advices4lady.org o trasferiscilo con il software gratuito Sony READER PER PC / Mac o Adobe Digital Editions.

Reader

Dopo la sincronizzazione automatica, apri l'eBook sul lettore o trasferiscilo manualmente sul tuo dispositivo tolino utilizzando il software gratuito Adobe Digital Editions.

Note correnti

avatar
Sofi Voighua

Perchè la Grande Piramide fu costruita in quel luogo? Forse per la semplice ragione che gli antichi Egizi vivevano, in maggioranza, proprio là. Ma, in seguito a varie supposizioni, si giunse anche ad altre ipotesi, illustrate dal professor Livio Catullo Stecchini nel libro di Peter Tompkin "Secrets of the Great Pyramids". La piramide di Cheope, quando era ancora rivestita di calcare bianco, poteva essere vista persino dalla luna. La piramide di Cheope è l'unica a possedere dei "condotti d'aria"(4). La piana di Giza, grazie alla sua conformazione, è l'unico luogo che avrebbe potuto sostenere la piramide di Cheope.

avatar
Mattio Mazio

Perchè la Grande Piramide fu costruita in quel luogo? Forse per la semplice ragione che gli antichi Egizi vivevano, in maggioranza, proprio là. Ma, in seguito a varie supposizioni, si giunse anche ad altre ipotesi, illustrate dal professor Livio Catullo Stecchini nel libro di Peter Tompkin "Secrets of the Great Pyramids".

avatar
Noels Schulzzi

La grande piramide di Cheope raggiungeva originariamente l'altezza di 146 m ed era formata da circa 2.300.000 blocchi di pietra del peso medio di 2,5 tonnellate ognuno. Oltre che da una piramide, ogni impianto funerario era costituito da un tempio a valle, una strada d'accesso e un tempietto o una cappella in cui venivano celebrati i riti religiosi per lo spirito del faraone. Le piramidi sono talmente note che oramai suscitano poca meraviglia. Tuttavia la loro imponenza e bellezza (ciò è valido soprattutto per quelle della piana egizia di Giza) rendono questi antichi monumenti uno dei luoghi più insoliti di tutto il pianeta. Alcuni dati relativi alla grande piramide di C

avatar
Jason Statham

soppianta quasi del tutto questa apprezzabile teoria di costruzione delle piramidi, almeno per quanto riguarda la piramide di cheope. resta comunque una buona ... Marco Virginio Fiorini Nel cantiere della Grande Piramide Gli architetti egizi svelati ANANKE © 2012 ANANKE s.c. Tutti i diritti riservati / All rights reserved ...

avatar
Jessica Kolhmann

Perchè la Grande Piramide fu costruita in quel luogo? Forse per la semplice ragione che gli antichi Egizi vivevano, in maggioranza, proprio là. Ma, in seguito a varie supposizioni, si giunse anche ad altre ipotesi, illustrate dal professor Livio Catullo Stecchini nel libro di Peter Tompkin "Secrets of the Great Pyramids". La piramide di Cheope, quando era ancora rivestita di calcare bianco, poteva essere vista persino dalla luna. La piramide di Cheope è l'unica a possedere dei "condotti d'aria"(4). La piana di Giza, grazie alla sua conformazione, è l'unico luogo che avrebbe potuto sostenere la piramide di Cheope.